DUE PAROLE PER TE 2020……

“caro” 2020 e scusami se scrivo il caro tra virgolette ma tutto si può dire tranne che tu sia stato un anno così benevolo con noi……, chissà cosa ti ha fatto arrabbiare così tanto da darci una punizione simile…. Ho voluto pensare che volevi farci capire che stavamo sbagliando tanto…., che stavamo distruggendo questo mondo che ci è stato dato con le nostre manie di grandezza e potenza…. Ho anche pensato che volevi farci riflettere su come stavamo dimenticandoci dei valori veri della vita, dell’amicizia…, dell’amore…., della comprensione e del rispetto…., e sai cosa ti dico che eri quasi riuscito a farmi credere che era proprio così… Sai durante il primo look down  quando vedevo le persone unite sui balconi che cantavano, perone che se anche se non si conoscevano, si sostenevano a vicenda senza diversità di ceti sociali, colore della pelle o sesso…., ci ho creduto sai…ci ho creduto davvero ed invece no…., siamo diventati più cinici e egoisti di prima con una cattiveria e gelosia inaudita…..o almeno, perdonami, ma questo è quello che ho percepito io… 

Cosi tu ci hai rimesso alla prova una seconda volta…..però purtroppo, questa seconda volta, non potrò urlare o scrivere “andrà tutto bene” come ho fatto in precedenza….non lo potrò fare perché mentirei a me stessa in primis e poi a tutti gli altri…. Caro 2020 con l’arrivo del tuo successore…, il 2021…, non andrà tutto bene sai…, gli hai lasciato un brutto fardello da smaltire e un carico di aspettative davvero troppo grande da affrontare…..che non potrà bastare un solo anno a rimettere a posto tutto ciò che ci hai lasciato….e, credimi, sono positiva.. Sai a Marzo quante persone potrebbero perdere il loro posto di lavoro???….e sai quante attività non riapriranno più?… quanti negozio non alzeranno più la loro saracinesca e quanta gente avrà come sua casa un tetto di stelle????…..

Quello che abbiamo perso questo anno nessuno lo potrà più recuperare però potremmo farne tesoro e, come sempre, cercare di vedere il positivo dove tutto appare negativo…. 

Personalmente se io fossi la maga di Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa un vero abete, un pino di montagna con un po’ di vento vero impigliato tra i rami, che mandi profumo di resina  in tutte le camere, e sui rami regali per tutti. Poi con la mia bacchetta me ne andrei a fare magie per tutte le vie. In via Piazza Duomo farei crescere un albero di Natale carico di vecchi carillon d’ogni qualità, che ballano il rock an’roll e fanno le capriole che ci facciano sentire di nuovo bambini… In Piazza della Scala  farei crescere l’albero di cioccolato che faccia tornare a tutti un po’ di buon umore…., in via Dante l’albero del Panettone, nel piazzale della Stazione Centrale un albero pieno di cibo e in Piazzale Cadorna un albero fatto da caldi abiti per ripararsi dal freddo…. Che ne dite continuiamo la passeggiata?, in fondo la magia è appena cominciata e dobbiamo scegliere ancora il posto per l’albero dei treni e degli aerei per poter così avvicinare a noi i nostri affetti più cari….  Ogni strada dovrà avere un albero speciale e il giorno di Natale tutti, indistintamente, potranno fare il giro di Milano e prendersi quello che vorranno…. Per ogni cosa che verrà presa ne spunterà un altra dello stesso modello o anche più bella…..
Certo che sognare per me è speranza….e davvero farei tutto questo se fossi una maga con la bacchetta magica…. però, purtroppo, non lo sono e allora cosa potrei fare? …… 
Per ora posso solo continuare a credere, sperare e aiutarvi nel mio piccolo, come posso e come riesco ma sopratutto devo aiutarvi a non smettere mai di sognare…….perchè i sogni non hanno età e la vita è solo nostra……

Grazie…….. 

Cinzia Lamilanesa

Condividi questo articolo: